ॐ " Fαΐ ∂εllα τυα vΐτα υŋ' Oρεrα ∂' Αrτε " ॐ

Articoli con tag ‘vita’

Being an exchange student ~ esperienza indimenticabile


An exchange student shares his feelings:

Not so long ago, you and I were complete strangers. But little by little, we entered each others’ worlds as friends, students, teachers, and something more: classmates in the school of life.

You have now arrived upon that moment that nearly a year ago seemed not so certain. Soon you will depart our shores and return to your homes in your countries, one year older, many experiences richer, and a lifetime wiser. Be it in doubt to you or not: you are returning to your homeland a different person, enriched and invigorated by your months here in America. Indeed: you were blessed with an opportunity many of your peers were not, and we in turn were blessed also: with each and every one of you.

Our lives have changed by this meeting, and so have yours. None of this will leave this set of life experiences the same, and none of expected none should have expected to be the same, anyway. For of all those things we strive to keep unchanged, the only constant in life is that it will continue to change, evolve, and prosper in a new light every day.

I want to instill on you the importance of your experiences here in my country. You have been lucky to see with your own eyes what many back home have only gossiped and whispered about; that country of dreams and plenty, that place where our concerns are prom dresses and homecoming dances. Where apple pies and McDonald’s aren’t special treats, where Cricket is an insect (and a cellphone company), and where football is something altogether not football. But beyond that, you have witnessed the excitements and tears and mundane of a group of people you never knew existed beyond Hollywood and really bad TV shows: the Americans.

As you prepare for what we Americans call the homestretch of your time amongst us, I have some final lessons to teach you both as your friend, chaperone, teacher, and yes, fellow student.

First amongst these lessons is the following: we each have a moral imperative to change the world for the better. I cannot begin stress to you the mortal dangers we all find ourselves in because the generation of our parents, and our parents’ parents chose to change the world their better, and not for everyone’s betterment. In simpler words: you and I alone can take what we learned from one another, and use it to help the animals, peoples, and institutions around us healthier for us all. You have no option for failure, and neither do I. As a wise Muslim once said in the desert, “God has put you and these difficulties in my path. I have no choice but to solve you, and resolve the difficulties.”

The second lesson I have for you is that: you are not alone. Thousands of you came to my country in search of a year of parties and fun, and those same thousands of you are going back to your countries after a year really easy math exams (don’t lie, I know you were laughing at us in Algebra class!), and really strange eating habits (eating in the middle of the night, chocolate cereal for breakfast, and/or pizza for dinner more than once a week ring a bell?). You have a network of friends who you must keep in touch with for the rest of your life. They will be just as confused as you will be when you wake up at 6am for the school bus, only to realize there is no school bus, and that math class all of a sudden got a lot harder. Those friendships among yourselves–and among us Americans you’re leaving behind for “cool” places (I’m sorry my fellow Americans, but Karachi and Cairo are not “cool” this time of year, they’re really really hot!)–are the most important asset you have gained for both yourselves, and the beloved home countries you are returning to.

Take it from me, (we’re still on lesson two), the friendships I have made with people from South Africa, Israel, Pakistan, South Korea, India, the Arab World, and Eastern Europe throughout my life in Washington D.C. have made me a better person, and have helped me grow to appreciate each one of you. If it wasn’t for Phil Mok & Dave Kim whose families are from Korea, Thupe, South Africa’s indomitable beauty queen, and that girl on my high school bus from Ethiopia, I would not have learned to enjoy all of you as much as I have. I know that because of those friends, there have been many times in my work in politics that I was able to show people that I care and understand about their cultures, their families, and their concerns. More than once when misunderstandings have happened between Muslim, Jewish and Christian groups, my lessons from Catholic primary school, being president of a Jewish fraternity, and growing up (and remaining) a devout Muslim have helped to avoid huge problems, and helped to make new friendships. America was your chance to learn the same, and in 6-7 years when you are my age, it will be your turn to do the same: help people understand one another.

And that leads to my third lesson: be a bridge builder. We Muslims like to say that Jesus Christ once said that, this world is a bridge. But each one of us belongs to one common world as well as the world we come from: Desi World, Muslim World, Arab World, Russian-speaking world, Francophonie world, East African world, West African world, etc. So build bridges that connect our worlds. It’s as easy as a Facebook group, or even a post on a timeline teaching about another culture, language, or even religion. Before some of you got here, I never knew how cool Moldova was (even though one of my closest friends in America, Alina Goldman, is originally from there!), or how interesting Sumatran and Javanese dances were in Indonesia. You built a bridge to me, and I built a bridge to you too. Keep at that.

My fifth lesson for you is this: Americans want to help, and we might know people in your country who want to help you do great things, too. You have seen with your own eyes what America is like, and what is not. Hopefully you have learned that we have little interest in attacking Mecca, or conquering Africa; that the truth is that we wouldn’t find cricket that boring if we hadn’t already invented baseball, and that we love football too! We just call it soccer for some very strange reason. Really though, you know us. We want to be your friends, and for you to be ours. Friends look out for one another, and so I am making myself available to at least try and connect you guys to people I might know to help you do big things to develop, teach, and make your countries even greater than they already are. Just promise to pray for my country in return, so that America can keep doing good things in the world, and move away from ever doing bad things.

My final lesson to you is one from the heart: each of you has a Qadr, or destiny. Your destinies are both written and unseen: meaning you won’t know what it is until you strive to achieve it. But do not think that you somehow coming to visit my country was a fluke (accident). It was not. It had a deeper meaning, that only you can discover. Each one of you has the potential to bring world peace, rescue the dolphins of the oceans, and end world hunger. Each one of you has the ability to petition the Higher Power (i.e. pray) to give you a destiny of greatness. A great teacher, doctor, lawyer, politican, army soldier, merchant, tribal chief–whatever. Live up to your destiny, and in the process, help me find mine.

Destinies are tricky business, and are as elusive as true love (stop crying over your prom date, you haven’t true love found it yet), and as awe-inspiring as a bolt of lightening. Do not understimate yourself, and take that “can-do” attitude we Americans have back home, and solve the problems around you with the same confidence that you made friends here. And once you think you have found your destiny, pause for a moment. Reconsider. And make those castles in the sky you dreamt of while chowing down on a Big Mac in America, make them grounded on this earth by sheer will and even blunter tenacity. Never be afraid to fail, always be afraid to never have tried to begin with.

I leave with the following: if a tree falls in the woods, does it make a sound? The answer is immaterial. What matters is the journey you take to get to it.

Now the foundations of your souls have been set. You are no longer a mere exchange student traversing the murky path of self-discovery. You are now adventurers from whom the world expects so much, and for whom your countrymen hearken and beckon. Go back home knowing that neither one of us has an option to fail in making a better world, and that our destinies from hereon while separate, are forever connected. When the histories are written, when the words are spoken, and when the monuments are built to what you and I endeavored to achieve on this earth, there will be one truth that I hope we all will be held into account for: that these months for which we have each other are the moments in which we all decided: we have chosen to better understand each another for a better world.

Exchange students of 2012, you are dismissed.

Silvia,

me too exchange student in the U.S.A.

Annunci

.~* Scelgo di… ♥


Scelgo di vivere per scelta, e non per caso.

Scelgo di fare dei cambiamenti, anzichè avere delle scuse.

Scelgo di esser motivato, non manipolato.

Scelgo di essere utile, non usato.

Scelgo l’autostima, non l’autocommiserazione.

Scelgo di eccellere, non di competere.

Scelgo di ascoltare la voce interiore, e non l’opinione casuale della gente.

La scelta è mia e scelgo di arrendermi al volere della mente Divina, poichè nell’arrendermi sono vittorioso.

Eileen Caddy

Emily Dickinson ~


“Se potrò impedire
a un cuore di spezzarsi
non avrò vissuto invano.
Se allevierò il dolore di una vita
o guarirò una pena
o aiuterò un pettirosso caduto
a rientrare nel nido
non avrò vissuto invano.”
.
Silvia 🙂 

Mark Twain ~


  Silvia

I 4 Accordi


 


Qualsiasi cosa facciamo nella vita è basata sugli accordi che abbiamo preso con noi stessi, con le persone, con DIO.

Gli accordi più importanti però sono quelli che facciamo con noi stessi perchè in essi ci diciamo come comportarci, cosa è possibile e cosa è impossibile.
Se vogliamo vivere bene dobbiamo avere il coraggio di rompere gli accordi che ci limitano e scegliere nuovi accordi basati sull’amore!

Avere fede significa credere in modo incondizionato.
Il Giudice interiore giudica tutto ciò che facciamo, pensiamo e proviamo. Se ci trova colpevoli ci punisce. La parte di noi che riceve i giudizi è la Vittima che si prende il biasimo, la colpa e la vergogna.
L’ingiustizia è pagare più volte per lo stesso sbaglio.
La nostra più grande paura è correre il rischio di vivere e di esprimere ciò che realmente siamo. Il livello di rifiuto di sé dipende da quanto successo hanno avuto gli altri nello spezzare la nostra integrità. Dopo essere stati addomesticati, non si tratta più di essere abbastanza bravi per qualcun altro. Non siamo abbastanza bravi per noi stessi. Non ci perdoniamo di non essere ciò che vorremmo essere.
In tutta la vita nessuno ci fa più male di quanto c’è ne facciamo da soli. Il limite di ciò che siamo disposti a sopportare è esattamente uguale a quello che tolleriamo dagli altri. Se qualcuno ci maltratta più di quanto noi ci maltrattiamo, in genere lo abbondoniamo. Più ci amiamo, meno abbiamo bisogno di farci violenza.

  • Primo accordo Sii impeccabile con la parola

È il più importane e anche il più difficile da mantenere.
È lo strumento della magia. A seconda di come la usate, la parola vi renderà liberi o schiavi. Tutta la magia che possedete è basata su di essa. Ben usata la parola è magia, usata male la parola è magia nera. La forma peggiore di magia nera è il pettegolezzo.
Piantate un seme, un pensiero e lo vedrete crescere. La mente di ogni essere umano è fertile, ma soltanto per i semi che è preparato a ricevere. È possibile ricevere e adottare un idea negativa soltanto se la nostra mente è un terreno fertile per la negatività.
Impeccabile viene dal latino peccatus e il prefisso im significa senza. Impeccabile quindi significa “senza peccato”. Un peccato è qualunque cosa facciate contro di voi. Ogni cosa che credete o dite contro voi stessi è un peccato. Essere senza peccato significa non andare contro se stessi. Quando siete impeccabili vi prendete la responsabilità delle vostre azioni, ma senza biasimarvi o giudicarvi.

  • Secondo accordo ~ Non prendete nulla in modo personale

Ciò che vi intrappola si chiama importanza personale: la tendenza a prendere tutto personalmente. Questa è la più grande espressione di egoismo perché ci spinge a credere che tutto si riferisca a noi. Nulla di ciò che fanno gli altri è a causa nostra. Ognuno vive nel proprio sogno, nella propria mente. Se qualcuno vi dice: “Sei troppo grasso”, non prendere personalmente la sua opinione. La verità è che quella persona sta affrontando le proprie emozioni, opinioni e convinzioni. Cerca di inviarvi del veleno e, se prendete in modo personale ciò che vi dice, il veleno passa dentro di voi.
Quando prendete le cose personalmente vi sentite offesi e la reazione è quella di difendere le vostre convinzioni, creando conflitti. Rendete grande qualcosa che di per sé è piccolo, perché avete bisogno di avere ragione e di dimostrare che gli altri si sbagliano.
Non m’importa cosa pensate di me, perché non prendo in modo personale le vostre opinioni. Quando la gente dice: “Miguel sei il migliore” non sta parlando di me. Lo stesso vale quando mi dicono: “Sei il peggiore”. In entrambi i casi la vostra opinione non mi tocca, perché io so ciò che sono e non ho necessità di essere accettato. Qualunque cosa pensiate o diciate, so che è un problema vostro non mio. È il modo in cui vedete il mondo e state parlando a voi stessi, non a me. Le opinioni di ciascuno derivano dal suo sistema di credenze, quindi nulla di ciò che un altro pensa mi riguarda davvero. Sapete già di essere meravigliosi e non è necessario credere a chi ve lo dice.

  • Terzo accordo Non supporre nulla

Abbiamo la tendenza a fare supposizioni su tutto. Il problema è che poi le prendiamo per vere. Poiché abbiamo paura di chiedere chiarimenti facciamo supposizioni e crediamo di avere ragione. Vediamo solo ciò che vogliamo vedere e udiamo solo ciò che vogliamo udire.
Abbiamo milioni di domande che hanno bisogno di una risposta, perché esistono moltissime cose che la mente umana non riesce a spiegare. Non è importante che la risposta sia giusta. Basta che sia una risposta e ci sentiamo tranquilli. Per questo facciamo tante supposizioni.
Crediamo che tutti ci giudicheranno, ci maltratteranno e ci biasimeranno come facciamo noi. Perciò ancor prima che qualcuno abbia la possibilità di rifiutarci, ci siamo già rifiutati da soli.
Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Se non capite, chiedete. Gli altri avranno il diritto di rispondere sì o no, ma voi avete sempre il diritto di chiedere. Allo stesso modo quando gli altri vi chiedono qualcosa, è vostro diritto concederglielo oppure no.

  • Quarto accordo ~ Fai sempre del tuo meglio

Ma ricordate che il vostro meglio non è mai lo stesso, può cambiare da un momento all’altro… il vostro meglio avrà gradi diversi. Se fate meno di quanto potreste, vi sentirete frustrati, vi giudichereete e aprirete la porta al senso di colpa e ai rimpianti.
Ma è l’azione che vi farà sentire intensamente felici… se agite per il piacere di farlo, senza aspettarvi nulla, scoprirete di amare tutto ciò che fate. Facendo del vostro meglio imparate ad accettarvi. Se agite perchè dovete farlo non riuscirete mai a fare del vostro meglio. L’inazione è un modo per negare la vita. Esprimere il vostro essere vuol dire agire.
È la pratica che fa il maestro. Fare del vostro meglio vi renderà dei maestri. Ogni cosa che avete imparato, l’avete imparata attraverso la ripetizione. Se fate del vostro meglio nella ricerca della libertà personale e dell’amore per se stessi, scoprirete che è solo questione di tempo, prima che troviate ciò che state cercando.

Il modo in cui vedete il mondo dipende dalle emozioni che provate.
Quando siete irritati, intorno a voi nulla va per il verso giusto.IL PERDONO E’ L’UNICO MODO PER GUARIRE.
Prima di tutto, bisogna perdonare i genitori, i fratelli, le sorelle, gli amici e Dio. Dopo , potete perdonare voi stessi.
IL PERDONO E’ LA CHIAVE


 Silvia 

Plαηєτ عαrtђ Ғσr عνєr


·~¤ ॐ ¤~· 


Silvia 

 Non dare mai colpa all’esterno, …


…, non lamentarti per come è fatto il mondo, perché l’origine di tutti i tuoi mali si trova dentro di te. Non soffri perché qualcuno ti ha fatto qualcosa, ma qualcuno ti ha fatto qualcosa perché hai scelto la sofferenza come tua modalità di vita. Non ti lamenti perché un evento è accaduto, ma quell’evento è accaduto perché tu vivi di lamentele.
Il tuo essere crea il mondo, non viceversa. Il mondo è solo una stupida gigantografia del tuo inconscio. L’evento che pensi sia giunto all’improvviso nella tua vita, causato da un mondo crudele, in verità lo hai invocato tu stesso per mesi, per anni. Vivi danzando un’inconsapevole danza della pioggia al contrario, che porta siccità nella tua vita e aridità nel tuo Cuore.

Da Il libro di Draco Daatson

Immagine

ॐ Silvia ॐ   

Tag Cloud