ॐ " Fαΐ ∂εllα τυα vΐτα υŋ' Oρεrα ∂' Αrτε " ॐ

Archivio per la categoria ‘Libri’

“Man is the Reasoning Animal. Such is the Claim.” – Mark Twain


The Lowest Animal

By: Mark Twain.

I have been studying the traits and dispositions of the lower animals (so-called), and contrasting them with the traits and dispositions of man. I find the result humiliating to me. For it obliges me to renounce my allegiance to the Darwinian theory of the Ascent of Man from the Lower Animals; since it now seems plain to me that the theory ought to be vacated in favor of a new and truer one, this new and truer one to be named theDescent of Man from the Higher Animals.

In proceeding toward this unpleasant conclusion I have not guessed or speculated or conjectured, but have used what is commonly called the scientific method. That is tosay, I have subjected every postulate that presented itself to the crucial test of actual experiment, and have adopted it or rejected it according to the result. Thus I verified and established each step of my course in its turn before advancing to the next. These experiments were made in the London Zoological Gardens, and covered many months of painstaking and fatiguing work.
Before particularizing any of the experiments, I wish to state one or two things, which seem to more properly belong in this place than further along. This, in the interest of clearness. The massed experiments established to my satisfaction certain generalizations, to wit:

  1. That the human race is of one distinct species. It exhibits slight variations (in color, stature, mental caliber, and so on) due to climate, environment, and so forth; but it is a species by itself, and not to be confounded with any other.
  2. That the quadrupeds are a distinct family, also. This family exhibits variations (in color, size, food preferences, and so on; but it is a family by itself).
  3. That the other families (the birds, the fishes, the insects, the reptiles, etc.) are more or less distinct, also. They are in the procession. They are links in the chain, which stretches down from the higher animals to man at the bottom.

Some of my experiments were quite curious. In the course of my reading I had come across a case where, many years ago, some hunters on our Great Plains organized a buffalo hunt for the entertainment of an English earl. They had charming sport. They killed seventy-two of those great animals; and ate part of one of them and left the seventy-one to rot. In order to determine the difference between an anaconda and an earl (if any) I caused seven young calves to be turned into the anaconda’s cage. The grateful reptile immediately crushed one of them and swallowed it, then lay back satisfied. It showed no further interest in the calves, and no disposition to harm them. I tried this experiment with other anacondas; always with the same result. The fact stood proven that the difference between an earl and an anaconda is that the earl is cruel and the anaconda isn’t; and that the earl wantonly destroys what he has no use for, but the anaconda doesn’t. This seemed to suggest that the anaconda was not descended from the earl. It also seemed to suggest that the earl was descended from the anaconda, and had lost a good deal in the transition.

I was aware that many men who have accumulated more millions of money than they can ever use have shown a rabid hunger for more, and have not scrupled to cheat the ignorant and the helpless out of their poor servings in order to partially appease that appetite. I furnished a hundred different kinds of wild and tame animals the opportunity to accumulate vast stores of food, but none of them would do it. The squirrels and bees and certain birds made accumulations, but stopped when they had gathered a winter s supply, and could not be persuaded to add to it either honestly or by chicane. In order to bolster up a tottering reputation the ant pretended to store up supplies, but I was not deceived. I know the ant. These experiments convinced me that there is this difference between man and the higher animals: he is avaricious and miserly; they are not.

In the course of my experiments I convinced myself that among the animals man is the only one that harbors insults and injuries, broods over them, waits till a chance offers, then takes revenge. The passion of revenge is unknown to the higher animals.

Roosters keep harems, but it is by consent of their concubines; therefore no wrong is done. Men keep harems but it is by brute force, privileged by atrocious laws, which the other sex was allowed no hand in making. In this matter man occupies a far lower place than the rooster.

Cats are loose in their morals, but not consciously so. Man, in his descent from the cat, has brought the cats looseness with him but has left the unconsciousness behind (the saving grace which excuses the cat). The cat is innocent, man is not.
Indecency, vulgarity, obscenity (these are strictly confined to man); he invented them. Among the higher animals there is no trace of them. They hide nothing; they are not ashamed. Man, with his soiled mind, covers himself. He will not even enter a drawing room with his breast and back naked, so alive are he and his mates to indecent suggestion. Man is The Animal that Laughs. But so does the monkey, as Mr. Darwin pointed out; and so does the Australian bird that is called the laughing jackass. No! Man is the Animal that Blushes. He is the only one that does it or has occasion to.

At the head of this article we see how three monks were burnt to death a few days ago, and a prior put to death with atrocious cruelty. Do we inquire into the details? No; or we should find out that the prior was subjected to unprintable mutilations. Man (when he is a North American Indian) gouges out his prisoners eyes; when he is King John, with a nephew to render untroublesome, he uses a red-hot iron; when he is a religious zealot dealing with heretics in the Middle Ages, he skins his captive alive and scatters salt on his back; in the first Richards time he shuts up a multitude of Jew families in a tower and sets fire to it; in Columbus’s time he captures a family of Spanish Jews and (but that is not printable; in our day in England a man is fined ten shillings for beating his mother nearly to death with a chair, and another man is fined forty shillings for having four pheasant eggs in his possession without being able to satisfactorily explain how he got them). Of all the animals, man is the only one that is cruel. He is the only one that inflicts pain for the pleasure of doing it. It is a trait that is not known to the higher animals. The cat plays with the frightened mouse; but she has this excuse, that she does not know that the mouse is suffering. The cat is moderate (inhumanly moderate: she only scares the mouse, she does not hurt it; she doesn’t dig out its eyes, or tear off its skin, or drive splinters under its nails) man-fashion; when she is done playing with it she makes a sudden meal of it and puts it out of its trouble. Man is the Cruel Animal. He is alone in that distinction.

The higher animals engage in individual fights, but never in organized masses. Man is the only animal that deals in that atrocity of atrocities, War. He is the only one that gathers his brethren about him and goes forth in cold blood and with calm pulse to exterminate his kind. He is the only animal that for sordid wages will march out, as the Hessians did in our Revolution, and as the boyish Prince Napoleon did in the Zulu war, and help to slaughter strangers of his own species who have done him no harm and with whom he has no quarrel.

Man is the only animal that robs his helpless fellow of his country takes possession of it and drives him out of it or destroys him. Man has done this in all the ages. There is not an acre of ground on the globe that is in possession of its rightful owner, or that has not been taken away from owner after owner, cycle after cycle, by force and bloodshed.

Man is the only Slave. And he is the only animal who enslaves. He has always been a slave in one form or another, and has always held other slaves in bondage under him in one way or another. In our day he is always some mans slave for wages, and does that mans work; and this slave has other slaves under him for minor wages, and they do his work. The higher animals are the only ones who exclusively do their own work and provide their own living.

Man is the only Patriot. He sets himself apart in his own country, under his own flag, and sneers at the other nations, and keeps multitudinous uniformed assassins on hand at heavy expense to grab slices of other peoples countries, and keepthem from grabbing slices of his. And in the intervals between campaigns, he washes the blood off his hands and works for the universal brotherhood of man, with his mouth.

Man is the Religious Animal. He is the only Religious Animal. He is the only animal that has the True Religion, several of them. He is the only animal that loves his neighbor as himself, and cuts his throat if his theology isn’t straight. He has made a graveyard of the globe in trying his honest best to smooth his brother’s path to happiness and heaven. He was at it in the time of the Caesars, he was at it in Mahomet’s time, he was at it in the time of the Inquisition, he was at it in France a couple of centuries, he was at it in England in Mary’s day, he has been at it ever since he first saw the light, he is at it today in Crete (as per the telegrams quoted above) he will be at it somewhere else tomorrow. The higher animals have no religion. And we are told that they are going to be left out, in the Hereafter. I wonder why? It seems questionable taste.

Man is the Reasoning Animal. Such is the claim. I think it is open to dispute. Indeed, my experiments have proven to me that he is the Unreasoning Animal. Note his history, as sketched above. It seems plain to me that whatever he is he is not a reasoning animal. His record is the fantastic record of a maniac. I consider that the strongest count against his intelligence is the fact that with that record back of him he blandly sets himself up as the head animal of the lot: whereas by his own standards he is the bottom one.

In truth, man is incurably foolish. Simple things which the other animals easily learn, he is incapable of learning. Among my experiments was this. In an hour I taught a cat and a dog to be friends. I put them in a cage. In another hour I taught them to be friends with a rabbit. In the course of two days I was able to add a fox, a goose, a squirrel and some doves. Finally a monkey. They lived together in peace; even affectionately.

Next, in another cage I confined an Irish Catholic from Tipperary, and as soon as he seemed tame I added a Scotch Presbyterian from Aberdeen. Next a Turk from Constantinople; a Greek Christian from Crete; an Armenian; aMethodist from the wilds of Arkansas; a Buddhist from China; a Brahman from Benares. Finally, a Salvation Army Colonel from Wapping. Then I stayed away two whole days. When I came back to note results, the cage of Higher Animals was all right, but in the other there was but a chaos of gory odds and ends of turbans and fezzes and plaids and bones and flesh not a specimen left alive. These Reasoning Animals had disagreed on a theological detail and carried the matter to a Higher Court.

One is obliged to concede that in true loftiness of character, Man cannot claim to approach even the meanest of the Higher Animals. It is plain that he is constitutionally incapable of approaching that altitude; that he is constitutionally afflicted with a Defect, which must make such approach forever impossible, forit is manifest that this defect is permanent in him, indestructible, ineradicable.
I find this Defect to be the Moral Sense. He is the only animal that has it. It is the secret of his degradation. It is the quality, which enables him to do wrong. It has no other office. It is in capable of performing any other function. It could never hate been intended to perform any other. Without it, man could do no wrong. He would rise at once to the level of the Higher Animals.

Since the Moral Sense has but the one office, the one capacity (to enable man to do wrong) it is plainly without value to him. It is as valueless to him as is disease. In fact, it manifestly is a disease. Rabies is bad, but it is not so bad as this disease. Rabies enables a man to do a thing, which he could not do when in a healthy state: kill his neighbor with a poisonous bite. NC) one is the better man for having rabies: The Moral Sense enables a man to do wrong. It enables him to do wrong in a thousand ways. Rabies is an innocent disease, compared to the Moral Sense. No one, then, can be the better man for having the Moral Sense. What now, do we find the Primal Curse to have been? Plainly what it was in the beginning: the infliction upon man of the Moral Sense; the ability to distinguish good from evil; and with it, necessarily, the ability todo evil; for there can be no evil act without the presence of consciousness of it in the doer of it.

And so I find that we have descended and degenerated, from some far ancestor (some microscopic atom wandering at its pleasure between the mighty horizons of a drop of water perchance) insect by insect, animal by animal, reptile by reptile, down the long highway of smirch less innocence, till we have reached the bottom stage of development (namable as the Human Being). Below us, nothing.

Annunci

~


“If we admit that human life can be ruled by reason, then all possibility of life is destroyed

Chris McCandless

Immagine

……

I 4 Accordi


 


Qualsiasi cosa facciamo nella vita è basata sugli accordi che abbiamo preso con noi stessi, con le persone, con DIO.

Gli accordi più importanti però sono quelli che facciamo con noi stessi perchè in essi ci diciamo come comportarci, cosa è possibile e cosa è impossibile.
Se vogliamo vivere bene dobbiamo avere il coraggio di rompere gli accordi che ci limitano e scegliere nuovi accordi basati sull’amore!

Avere fede significa credere in modo incondizionato.
Il Giudice interiore giudica tutto ciò che facciamo, pensiamo e proviamo. Se ci trova colpevoli ci punisce. La parte di noi che riceve i giudizi è la Vittima che si prende il biasimo, la colpa e la vergogna.
L’ingiustizia è pagare più volte per lo stesso sbaglio.
La nostra più grande paura è correre il rischio di vivere e di esprimere ciò che realmente siamo. Il livello di rifiuto di sé dipende da quanto successo hanno avuto gli altri nello spezzare la nostra integrità. Dopo essere stati addomesticati, non si tratta più di essere abbastanza bravi per qualcun altro. Non siamo abbastanza bravi per noi stessi. Non ci perdoniamo di non essere ciò che vorremmo essere.
In tutta la vita nessuno ci fa più male di quanto c’è ne facciamo da soli. Il limite di ciò che siamo disposti a sopportare è esattamente uguale a quello che tolleriamo dagli altri. Se qualcuno ci maltratta più di quanto noi ci maltrattiamo, in genere lo abbondoniamo. Più ci amiamo, meno abbiamo bisogno di farci violenza.

  • Primo accordo Sii impeccabile con la parola

È il più importane e anche il più difficile da mantenere.
È lo strumento della magia. A seconda di come la usate, la parola vi renderà liberi o schiavi. Tutta la magia che possedete è basata su di essa. Ben usata la parola è magia, usata male la parola è magia nera. La forma peggiore di magia nera è il pettegolezzo.
Piantate un seme, un pensiero e lo vedrete crescere. La mente di ogni essere umano è fertile, ma soltanto per i semi che è preparato a ricevere. È possibile ricevere e adottare un idea negativa soltanto se la nostra mente è un terreno fertile per la negatività.
Impeccabile viene dal latino peccatus e il prefisso im significa senza. Impeccabile quindi significa “senza peccato”. Un peccato è qualunque cosa facciate contro di voi. Ogni cosa che credete o dite contro voi stessi è un peccato. Essere senza peccato significa non andare contro se stessi. Quando siete impeccabili vi prendete la responsabilità delle vostre azioni, ma senza biasimarvi o giudicarvi.

  • Secondo accordo ~ Non prendete nulla in modo personale

Ciò che vi intrappola si chiama importanza personale: la tendenza a prendere tutto personalmente. Questa è la più grande espressione di egoismo perché ci spinge a credere che tutto si riferisca a noi. Nulla di ciò che fanno gli altri è a causa nostra. Ognuno vive nel proprio sogno, nella propria mente. Se qualcuno vi dice: “Sei troppo grasso”, non prendere personalmente la sua opinione. La verità è che quella persona sta affrontando le proprie emozioni, opinioni e convinzioni. Cerca di inviarvi del veleno e, se prendete in modo personale ciò che vi dice, il veleno passa dentro di voi.
Quando prendete le cose personalmente vi sentite offesi e la reazione è quella di difendere le vostre convinzioni, creando conflitti. Rendete grande qualcosa che di per sé è piccolo, perché avete bisogno di avere ragione e di dimostrare che gli altri si sbagliano.
Non m’importa cosa pensate di me, perché non prendo in modo personale le vostre opinioni. Quando la gente dice: “Miguel sei il migliore” non sta parlando di me. Lo stesso vale quando mi dicono: “Sei il peggiore”. In entrambi i casi la vostra opinione non mi tocca, perché io so ciò che sono e non ho necessità di essere accettato. Qualunque cosa pensiate o diciate, so che è un problema vostro non mio. È il modo in cui vedete il mondo e state parlando a voi stessi, non a me. Le opinioni di ciascuno derivano dal suo sistema di credenze, quindi nulla di ciò che un altro pensa mi riguarda davvero. Sapete già di essere meravigliosi e non è necessario credere a chi ve lo dice.

  • Terzo accordo Non supporre nulla

Abbiamo la tendenza a fare supposizioni su tutto. Il problema è che poi le prendiamo per vere. Poiché abbiamo paura di chiedere chiarimenti facciamo supposizioni e crediamo di avere ragione. Vediamo solo ciò che vogliamo vedere e udiamo solo ciò che vogliamo udire.
Abbiamo milioni di domande che hanno bisogno di una risposta, perché esistono moltissime cose che la mente umana non riesce a spiegare. Non è importante che la risposta sia giusta. Basta che sia una risposta e ci sentiamo tranquilli. Per questo facciamo tante supposizioni.
Crediamo che tutti ci giudicheranno, ci maltratteranno e ci biasimeranno come facciamo noi. Perciò ancor prima che qualcuno abbia la possibilità di rifiutarci, ci siamo già rifiutati da soli.
Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Se non capite, chiedete. Gli altri avranno il diritto di rispondere sì o no, ma voi avete sempre il diritto di chiedere. Allo stesso modo quando gli altri vi chiedono qualcosa, è vostro diritto concederglielo oppure no.

  • Quarto accordo ~ Fai sempre del tuo meglio

Ma ricordate che il vostro meglio non è mai lo stesso, può cambiare da un momento all’altro… il vostro meglio avrà gradi diversi. Se fate meno di quanto potreste, vi sentirete frustrati, vi giudichereete e aprirete la porta al senso di colpa e ai rimpianti.
Ma è l’azione che vi farà sentire intensamente felici… se agite per il piacere di farlo, senza aspettarvi nulla, scoprirete di amare tutto ciò che fate. Facendo del vostro meglio imparate ad accettarvi. Se agite perchè dovete farlo non riuscirete mai a fare del vostro meglio. L’inazione è un modo per negare la vita. Esprimere il vostro essere vuol dire agire.
È la pratica che fa il maestro. Fare del vostro meglio vi renderà dei maestri. Ogni cosa che avete imparato, l’avete imparata attraverso la ripetizione. Se fate del vostro meglio nella ricerca della libertà personale e dell’amore per se stessi, scoprirete che è solo questione di tempo, prima che troviate ciò che state cercando.

Il modo in cui vedete il mondo dipende dalle emozioni che provate.
Quando siete irritati, intorno a voi nulla va per il verso giusto.IL PERDONO E’ L’UNICO MODO PER GUARIRE.
Prima di tutto, bisogna perdonare i genitori, i fratelli, le sorelle, gli amici e Dio. Dopo , potete perdonare voi stessi.
IL PERDONO E’ LA CHIAVE


 Silvia 

Plαηєτ عαrtђ Ғσr عνєr


·~¤ ॐ ¤~· 


Silvia 

Meheer Baba


«  Un giorno Meheer Baba fece ai suoi uomini questa domanda: “Perchè le persone gridano quando sono arrabbiate?”
Ci pensarono qualche istante: “Perchè perdono la calma” -disse uno di loro- “per questo gridano”.
“Ma perchè gridare quando l’altra persona ti sta accanto?” -chiese Baba- “Non le si può parlare a voce bassa? Perchè urli ad una personaquando sei arrabbiato?”
Gli uomini diedero altre risposte ma nessuna di esse soddisfaceva Baba.
Alla fine spiegò:
“Quando due persone sono arrabbiate i loro cuori si allontanano molto, per coprire la distanza devono urlare per potersi sentire. Più arrabbiati sono, più dovranno gridare per ascoltarsi attraverso questa grande distanza.” .
Poi chiese: “Che succede quando due persone si innamorano? Non gridano ma parlano dolcemente. Perchè? I loro cuori sono molto vicini. La distanzatra di loro è molto piccola.”
Baba continuò:
“Quando si innamorano sempre di più che succede? Non parlano ma sussurrano e si rivolgono ancora di più al loro amore. Alla fine non avranno nemmeno bisogno di sussurrare, si guarderanno e basta. E’ così quando due si amano.” .
Infine Baba disse:
“Quando discutete, non lasciate che i vostri cuori si allontanino, non dite parole che aumentino la distanza; arriverà un giorno in cui sarà così tanta che non riuscirete più a trovare la strada del ritorno”. » 

Silvia

…::Un colpo di testa::…


 

"

 
 

" Sono un codardo” si ripeteva Sennar attraversando la Terra del Sole.
Da lì avrebbe raggiunto la Terra del Mare. Poi avrebbe solcato l’oceano alla volta di un continente che, per quanto ne sapeva, poteva anche non esistere più. Aveva paura. Erano centocinquanta anni che non si avevano notizie del Mondo Sommerso.
Un’eternità.

Per il momento era diretto all’accampamento di Nihal. Da quando aveva lasciato l’accademia per raggiungere il suo nuovo maestro si erano scritti, di tanto in tanto, ma erano mesi che non si vedevano.

Ora stava andando a dirle addio, forse per sempre.

Sennar sapeva che la partenza gli era tanto penosa anche per quello.

La stava lasciando per l’ennesima volta.
Questo avrebbe pensato Nihal.
E l’avrebbe odiato…

Ma anche se aveva paura, anche se soffriva all’idea di separarsi dalla persona a cui teneva di più al mondo, anche se le probabilità che quella lacera mappa non lo portasse da nessuna parte erano alte, Sennar sapeva che doveva provare.

 

 

 

Arrivato alla base il mago si fece indicare direttamente l’arena. Era certo di trovarla là. Ma il grande spiazzo circolare era gremito di soldati che si allenavano. Della mezzelfo non c’era traccia.
<<Dove posso trovare Nihal?>> chiese a uno scudiero.

<<Quella furia scatenata? Sarà di sicuro dal suo drago. Bella coppia di svitati, quei due!>>

Sennar raggiunse la scuderia. Percorse tutto il lungo corridoio guardandosi intorno. Poi la vide.

 

Nihal era china accanto a Oarf, gli stava dando da mangiare.

Il mago si fermò a guardarla in silenzio, emozionato. Le sembrava che in quei pochi mesi fosse diventata ancora più bella.

Si avvicinò.

<<Nihal?>>

 

 

 

 

La ragazza alzò gli occhi e si scostò un ciuffo di capelli dalla fronte. Non si alzò neppure.

<<Ciao, Sennar. Come mai da queste parti?>>

Sennar rimase lì, deluso.

<<Che accoglienza…>>

Aveva sperato che gli balzasse al collo, che gli dicesse che era contenta di vederlo. Ma Nihal non era più abituata a simili dimostrazioni d’affetto. Continuò a porgere pezzi di carne al drago, che scrutava sospettoso il mago con due enormi occhi scarlatti.

 

 

 


Passeggiarono per il campo. Nihal raccontò a Sennar dei progressi che aveva fatto con Oarf e del fatto che era riuscita a cavalcarlo, tacendogli però la reazione del suo maestro. Era ancora arrabbiata con Ido. Non si parlavano da giorni e l’allenamento era ancora sospeso.

Sennar ascoltava ma era stranamente taciturno. Continuarono a camminare, ma tutti i tentativi di conversazione di Nihal caddero nel vuoto.

<<Oh, insomma, Sennar. Che cosa c’è?>> gli chiese infine.

<<Ti fa davvero piacere che sia venuto?>>

<<Che domande fai? Certo che mi fa piacere>>

<<Era da tanto tempo che non ci vedevamo e… Non so, Nihal. Sento che non hai più bisogno di me.>>

 La voce del mago era amara.

 

   

 

 

La ragazza si fermò. <<Non capisco che cosa intendi.>>

<<Voglio dire che tu non hai più bisogno di nessuno. Hai trovato il modo di vivere senza dipendere dagli altri, e non so se questo atteggiamento mi piace. Anzi, non mi piace per niente.>>

Nihal lo guardò con freddezza. <<La mia vita è affar mio, se non ti dispiace.>>

<<No, la tua vita non è solo affar tuo. È anche affar mio e di Soana, e di tutti quelli che ti vogliono bene. Io non ti riconosco più Nihal.>>

Nihal fu colpita da quelle parole come da uno schiaffo. Sentì la rabbia montare.

 

 

 

<<Si può sapere che ti prende? Che accidenti stai dicendo? Che cosa avete tutti quanti contro di me? “non devi odiare”, così non va”, “non sei più la stessa”! solo questo sapete dirmi. Ma tu sei forse nella mia testa? Sai quello che penso, quello che provo? Allora sta’ zitto e non parlare di cose che non conosci!>>

 

 

 

 

 

 

Tra i due ragazzi calò un lungo silenzio. Poi Sennar abbassò gli occhi.

<<Devo partire. Non so quando tornerò.>>

Nihal rimase interdetta. <<E dove vai, stavolta?>> chiese sottovoce.

<<Nel Mondo Sommerso, a chiedere rinforzi.>>

A Nihal ci volle un po’ di tempo per capire quello che il mago le stava dicendo.

<<Stai parlando del continente perduto?>>

<<Sì.>>

<<Perché tu?>>

<<E’ stata una mia proposta.>>

 

<<Capisco.>> Nihal tirò un calcio a una pietra. <<Bene. Fa’ come ti pare>> concluse, poi si voltò e tornò a grandi falcate in direzione della scuderia.

Quante volte aveva già vissuto quella scena? Mille, le sembrava. Forse il suo destino era di vedere allontanarsi tutti coloro che amava.  

 

Sennar la raggiunse, la agguantò per un braccio, la costrinse a voltarsi. Si mise a urlare.
<<Perché per una volta non dici quello che pensi? Perché non urli, non ti arrabbi? Fai qualcosa, maledizione! Dimmi che non vuoi che vada! Dimostrami che se ancora una persona, e non una spada!>>

 

 

 

 

Nihal si liberò dalla presa.

Il sangue le pulsava alle tempie.

Non si diede neppure il tempo di pensare. Agì d’impulso, come in battaglia.

La mano le corse all’elsa.

Sguainò la spada.

 

 

Sulla guancia di Sennar comparve un lungo segno rosso.

Per un istante fu come se il tempo si arrestasse.

 

 

Anche il sangue non fluì subito dal taglio, ma passò qualche attimo prima che colasse dal viso del mago fino a terra, in un’unica goccia.

Per la prima volta da quando aveva iniziato a combattere, a Nihal cadde la spada di mano. Aveva ferito Sennar, che innumerevoli volte l’aveva aiutata, protetta, curata. Sennar, che era l’ultima persona che le rimaneva, l’unico che capiva, il suo amico.

<<Sennar… io…>>

  

 

 

 

Il mago sorrise con amarezza. <<Va bene. Parto con un ricordo di te che non mi abbandonerà.>> Si sfiorò il taglio con le dita. <<Torna a vivere Nihal. Fallo per te. O magari per Fen, che ora non c’è più e che tu ami tanto.>>

 

 

 

Sennar se ne andò senza voltarsi. Per la prima volta dopo la morte di suo padre,
pianse.

 

"

 

Dal capitolo "Un colpo di testa"   
Cronache del Mondo Emerso – 1 Nihal della Terra del Vento  

Licia troisi

 

By 

 Silvia  

Tag Cloud